UNA PRODUZIONE

Regione Puglia

Comune di San Vito dei Normanni

Città di Brindisi

Fondo speciale cultura e Patrimonio Culturale

MAIN PARTNER

L'EVENTO 2020

BAROCCO FESTIVAL – Edizione 2020

Brochure 2020 in formato pdf

SALUTI

Quell’oasi di civiltà immaginata dall’intelligenza del prof. Biagio De Giovanni per descrivere il festival, riesce a resistere offrendoci perimetri di sicurezza culturali inattaccabili da qualunque elemento esterno.
In questo periodo così disordinato, di cambiamenti, di orizzonti corti, il faro della Cultura è una di quelle certezze che devono essere alimentate.
Non voglio riavvolgere il nastro sui disastrosi mesi passati nei quali tutti abbiamo desiderato quella “straordinaria normalità” che ci era stata negata.
Essere nuovamente allo start dà forza a quanto espresso: non ci saremo mai avventurati se non ci fossero state tali convinzioni.

Solo per quest’anno i confini del Festival saranno circoscritti all’interno delle città che lo hanno sostenuto storicamente: San Vito dei N.nni, capofila e genitore, ma soprattutto caparbia città orgogliosa del suo illustre concittadino, e Brindisi ormai città partner da 15 circa anni. Per dare la possibilità a quanti vogliono seguire il Barocco Festival, nonostante il numero contingentato cui siamo obbligati, abbiamo replicato alcuni appuntamenti, laddove si è potuto, offrendo sempre quella qualità cui il festival ci ha abituati.
Presentare il CD sul dramma sacro della Maddalena’ di Leo è un’altra tessera che si aggiunge al mosaico leano e a quel progetto partito 23 anni fa. Così sarà per l’edizione critica che presenteremo nella parte finale del festival. Per il conseguimento di tale progetto va la mia totale gratitudine alla Regione Puglia per aver intuito l’unicità e soprattutto la portata storica del progetto, oltre che agli avveduti sponsor.

Dalla riscoperta al marketing. Così si esprimeva un caro amico musicologo al completamento di questo memorabile percorso. Infatti! I tempi che viviamo quasi ce lo impongono, non possedendo più quella committenza che permetteva agli artisti di stampare, scolpire o dipingere la propria opera d’arte. Il marketing, oggi, è un passaggio obbligato per offrire a tutti un lavoro di tale rilievo.

Oltre al concerto dedicato alle commistioni in musica con la presenza di due grandi del panorama europeo: il jazzista GianLuigi Trovesi e il violinista direttore Stefano Montanari, avremo l’occasione di ascoltare un lavoro ex-novo sulle cantate in lengua napolitana con un interprete d’eccezione: il tenore Rosario Totaro, oltre a quello dedicato alla biografia di “Don Lionardo” rivisitata dall’attore Luigi D’Elia.

Il percorso musicale si concluderà con il quartetto Educo che ci proporrà uno spaccato sulla musica tardo barocca e del primo classicismo, ossia gli anni della maturità di Leo. Ascolteremo un raffinato programma con un inedito duetto del Nostro in prima esecuzione assoluta conservato presso la biblioteca del Kunitachi College of Music di Tokyo.
La parte musicologica concluderà il Festival 2020 con una mostra di manoscritti musicali curata da uno dei più illustri musicologi che la terra di Puglia abbia espresso, Dinko Fabris, e da chi vi scrive.
Imperdibile!
Concludo ringraziando tutti gli sponsor e le Istituzioni che ci sostengono e chi non compare ma che col proprio apporto, consigli ed impegno ci offre la possibilità di essere presenti. Ringrazio l’ormai ex sindaco della città di S. Vito dei N.nni, Domenico Conte, che da qualche giorno ha ultimato il suo mandato: avendo vissuto le intime pieghe organizzative del Festival con la sua genuina passione e credendo nella figura di Leonardo Leo – radice identitaria sdoganata dalle piccole visioni–, spero possa ricordarlo come una straordinaria avventura.

Faccio gli auguri sinceri al nuovo sindaco che si insedierà: certamente saprà cogliere il testimone culturale con sensibilità e lungimiranza, doti che questo tempo così travagliato pretende.

Ad maiora semper,
Barocco Festival!
Cosimo Prontera

PARTNERS

SPECIAL THANKS